Zerosmoke

Drammaturgia e coreografie: Matilde Demarchi e Annagrazia D'Antico

Fonti: Filippo d'Aglie, Anton Cechov, Italo Svevo, Repertorio coreutico del Novecento

Ricostruzione coreografica: Anna Gai

Ricerca coreologica: Prof. Alessandro Pontremoli

Collaborazioni: Dorothy Rollandin (Tesista della University of Connecticut, Il balletto sebaudo di Filippo d'Aglie: Tabacco, funzione sociale e politica), Elisa Rossetti (Tesista del Dams di Torino, La danza di corte: Filippo d'Aglie), dott. Maurizio Onoscuri (pneumologo presso l'Ospedale S. Luigi di Torino e produttore-organizzatore di un progetto educativo-divulgativo nelle scuole dell'obbligo), Lega Tumori, Giangiacomo Pace e Simona Carapella.

Interpreti: Ensemble (da 10 a 15 danzatori)

Durata: 80' circa

Lo spettacolo può essere presentato come contaminazione tra passato e presente oppure è possibile estrapolare la ricostruzione storica delle danze del tabacco o ancora integrare con coreografie su musiche di Vivaldi, Pachelbel, Mozart, Bach, Hendel appartenenti al repertorio di Arkè e molto adattabili alle atmosfere delle residenze sabaude, come già avvenne nelle performance presso il castello di Agliè, a Fossano, nella Palazzina di caccia di Stupinigi, alla Reggia di Venaria ed in Piazza Castello.

Un progetto di prevenzione e di sensibilizzazione

L'idea nasce nel 2003 dall'incontro tra la coreografa Matilde Demarchi e Maurizio Onoscuri, pneumologo presso l'Ospedale S. Luigi di Torino, già promotore di un progetto educativo e divulgativo nelle scuole, e dall'esigenza comune di attuare un efficace opera di sensibilizzazione sul tema del fumo.

Lo spettacolo è stato proposto in diversi ambiti: scuole dell'obbligo, scuole superiori, spazi non convenzionali come il Quadrilatero Romano (in occasione del 31 Maggio, giornata mondiale senza tabacco, in collaborazione con la Lega Tumori), Piazza Castello a Torino ed in diverse residenze sabaude in occasione di ricorrenze storiche tra cui quelle di Fossano e Venaria. Spinte dal desiderio di poter comunicare un messaggio di prevenzione attraverso un linguaggio evocativo emozionale ed artistico oltre che scientifico, Annagrazia D'Antico e Matilde Demarchi hanno attuato una ricerca storica e letteraria sull'argomento, coinvolgendo personale medico, ricercatori, storici e coreografi.

Zerosmoke è un lavoro coreografico che parte dal tema della ricostruzione storica e spazia sulla ricerca e la sperimentazione coreografica. Ritmo, danza, ironia e dissertazioni sul tema del fumo vengono usati come linguaggio per proporre al pubblico scelte alternative alla dipendenza da nicotina.

Le fonti d'ispirazione sono molteplici:

1650 - anno della legalizzazione del tabacco. Filippo d'Agliè crea la coreografia 'Tabacco - pregi e delizie della celebre foglia';
1886 - 1889- Anton Cechov scrive un testo ironico, 'I danni del Tabacco' (parte dei testi è liberamente ispirata a quest'opera teatrale);
1897 - 'Del piacere e del vizio di fumare', Italo Svevo;
oggi - dopo più di 355 anni, siamo ormai consapevoli del fatto che 'pregi e delizie' sono profondamente messi in discussione dalle ricerche mediche e scientifiche, e non possiamo più ignorare i danni provocati dal fumo.

Convinti che la comunicazione attraverso il corpo e l'arte del movimento siano più efficaci della parola, ci auguriamo che la danza, la musica ed il gesto possano spingere il pubblico a nuove riflessioni.

Gallery Zerosmoke

Seguici su

Iscriviti alla newsletter di Arké